Choir

VOX POETICA ENSEMBLE – FERMO formazione che nasce alla fine del 2004 riunendo cantori accomunati dalla volontà di approfondire lo studio e l'esecuzione del grande repertorio vocale antico per coro.

Con l'intento di perfezionarsi vocalmente e migliorare la prassi stilistica ed esecutiva, il gruppo ha elaborato progetti musicali e frequentato seminari di perfezionamento con Marco Berrini, Lorenzo Donati, Sabino Manzo, Giorgio Mazzucato, Luca Scaccabarozzi, Dario Tabbia, Steve Woodbury, Marco Scavazza.

Il debutto avviene a Fermo nel 2005 con l’esecuzione della Cantata natalizia BWV63 e del Magnificat in Re Magg. BWV 243 di J.S. Bach, nel 2006 esegue, per il 250° anniversario della nascita di W.A. Mozart, il “Requiem” in re min KV626. Nel 2011 in prima esecuzione moderna esegue opere di G. Giordani e B. Galuppi. Nel 2012 collabora con il Vocalia Consort di Roma, diretto da Marco Berrini, realizzando una serie di concerti con musiche di Bach, Legrenzi, Lotti, A. Scarlatti, D. Scarlatti, Schütz per coro a 4,5,6,8 voci e doppio coro.

Nel novembre 2014 è risultato
vincitore del IV Concorso Corale Internazionale "Antonio Guanti" svoltosi a Matera e del premio per la migliore esecuzione di un brano di un compositore italiano contemporaneo con la composizione "ANGELUS AD PASTORES AIT" di Mauro Zuccante.

Tra la fine dell'anno 2015 e l'anno 2016, oltre all'esecuzione di alcune Cantate di J. S. Bach sotto la guida del M° Marco Berrini e Luca Scaccabarozzi, ha inciso per la casa discografica Tactus "AVE VIRGO GLORIOSA", progetto ideato e sviluppato in collaborazione con l' Ensemble "Nova Alta", sotto la direzione del M° Sabino Manzo, con il quale a settembre 2016, ha proposto in una serie di concerti il VESPRO DELLA BEATA VERGINE di Claudio Monteverdi in versione integrale con il Florilegium Vocis e l'Orchestra Barocca Santa Teresa dei Maschi di Bari.

Nel corso del 2017 ha ideato il progetto "EIN' FESTE BURG, l'eredità musicale nel 500° della riforma Luterana", direttore Giulio Fratini, ed eseguito il REQUIEM K626 di W.A. MOZART con il VOCALIA CONSORT di Roma e l’ORCHESTRA FILARMONICA MARCHIGIANA diretti da Marco Berrini.

Di questo periodo la partecipazione a
VIVALDI IN VENICE, con l'esecuzione dello JUDITHA TRIUMPHANS, sacrum militare oratorium, e del DIXIT DOMINUS, con solisti quali Fagioli, Nesi, Schittino, Hallenberg, Boncompagni, Scavazza, Bevan, con l'Orchestra Modo Antiquo sotto la Direzione Federico Maria Sardelli.

Preparatore artistico del gruppo è il maestro Giulio Fratini.